L'altra prigione - #3 La rivincita/The other prison - #3 Revenge

E qui si conclude la storia di Engill e Longun. Vorrei ringraziare @uggya per avermi suggerito questi ulteriori capitoli e, oltre a lei, anche @emrys77 che ha riletto e aiutato nella correzione di errori e imprecisioni
Grazie anche a tutti voi che mi avete letto e, spero, abbiate gradito questa storia.

Capitoli precedenti - La nascita - La guerra

angel-3381645_640.jpg
Foto di Brigitte makes custom works from your photos, thanks a lot da Pixabay

Il mio nome è Engill e sono finalmente libero. Sembra strano fare un'affermazione del genere, ma per me non lo è. Dopo secoli trascorsi ad aspettare l'arrivo di una donna, ciò che era stato scritto si è avverato ed ora posso finalmente tornare alla mia vita.

Credevo la mia vita finita quando sono stato sconfitto da Dreki, ma invece era solo l'inizio di una lunga prigionia.
Mio fratello mi aveva colpito con un coltello che aveva centrato in pieno il mio cuore, ma, stranamente, non mi aveva ucciso. Mi aveva fatto cadere in un lungo sonno. Ero sospeso tra la vita e la morte, rinchiuso in una bara di ghiaccio in una delle quattro torri del castello che mio fratello aveva trasformato una volta salito al potere.

Non so per quanto tempo ho dormito, ma il mio corpo è guarito e la mia anima ha continuato a vivere senza mai perdere la speranza di tornare ad esistere in quel mondo che ormai non mi apparteneva più.

Quando un raggio di sole mi colpì sul volto avvenne il miracolo, mi svegliai e cominciai a lottare per vivere.
Bloccato nel ghiaccio non riuscivo a muovermi, ma quel raggio era molto caldo e lentamente iniziò a sciogliere la mia prigione.
Stavo ricominciando a prendere possesso del mio corpo e un sorriso illuminò il mio volto e scaldò la mia anima.

Le mie ali erano libere e mi permettevano di librarmi da terra, cosa che non avevo mai fatto prima. Il sole, oltre a sciogliere il ghiaccio, invadeva la torre trasformandola in una prigione dorata.

Padre… credevo che ci avessi abbandonato per sempre… ti prometto che farò un saggio uso di questa nuova vita.

Riuscivo a vedere attraverso le pareti e presto trovai Longun. Il mio cuore fece un salto nel mio petto, non era cambiata affatto e il mio sentimento per lei era rimasto immutato.
Ogni giorno la guardavo, osservavo la sua routine e non fu difficile accorgersi dei suoi cambiamenti. Lo sguardo non era più vacuo, ma aveva una scintilla che lo illuminava.

Con la mente andai al giorno in cui Dreki l'aveva trasformata in un guscio vuoto e rividi lo scrigno che conservava la sua anima.

Devo trovarlo!

Mi misi a scrutare in ogni angolo del castello per trovare quella scatola che rappresentava la salvezza per entrambi. Ci misi giorni e giorni, ma alla fine fui ricompensato, era sepolta nelle fondamenta della torre che era la mia prigione. Dovevo portare Longun a me, ma come?

Fu Dreki a trovare la soluzione… dopo l'ennesima ribellione la rinchiuse in una prigione, o meglio in una delle quattro torri!

Padre, dammi la tua benedizione, porta l'amore nella mia vita.

Un arcobaleno apparve davanti ai miei occhi, era il potere che mi era stato donato dagli Dèi che avevo pregato e che avevano accettato la mia richiesta di aiuto!
Usai i vari colori per comunicare e guidare Longun in un percorso che l'avrebbe portata a me. Non fu facile, la donna era insicura e non si fidava di me, ma non potevo biasimarla. Aveva trascorso anni infernali e io le chiedevo di seguirmi incondizionatamente.

Nero… Arancio… Blu… Rosso… Verde… Giallo… Ce l'avevo fatta! Era nella mia torre, vicino a me!

Viola… l'arcobaleno scomparve lasciandomi solo ad affrontarla. Le spiegai, raccontai la nostra storia, ma non la convinsi… allora le permisi di entrare nei miei ricordi. Mentre le immagini della mia vita scorrevano lo scrigno iniziò ad aprirsi per scoperchiarsi definitivamente quando apparve un ricordo specifico… quello in cui Dreki aveva trasformato Longun e mi aveva colpito.

La sfera contenuta nello scrigno si riunì al suo corpo ed io ebbi di nuovo l'amore della mia donna.

Dove siamo? Sembra il Palazzo di Dreki. Ma al posto dell’area centrale si trova questo magnifico giardino.

La guardai sorridendo

Si esatto, è il Palazzo di Dreki. Quando hai ripreso la tua memoria, hai riattivato il suo cuore e la sua immortalità lo ha abbandonato spostandosi dentro di te.
La sua follia ha raggiunto l’apice uccidendolo. Quella che vedi è la costruzione di quando ero bambino e vivevamo in pace. Il Palazzo ha ripreso il suo aspetto originario, abbandonando quello costruito da un tiranno.

Il mio nome è Engill e ora vivrò per sempre vicino alla donna che amo e che mi ha liberato da un incubo.

floral-1751088_640.png

English version (automatic translate)

And here concludes the story of Engill and Longun. I would like to thank @uggya for suggesting me these additional chapters and, besides her, also @emrys77 who reread and helped in correcting mistakes and inaccuracies
Thank you also to all of you who read me and, I hope, enjoyed this story.

Previous Chapters - The birth - The war

My name is Engill and I am finally free. It seems strange to make such a statement, but for me it is not. After centuries of waiting for a woman to come along, what was written has come true and now I can finally get back to my life.

I thought my life was over when I was defeated by Dreki, but instead it was only the beginning of a long imprisonment.
My brother had struck me with a knife that had hit my heart hard, but strangely enough, it hadn't killed me. He had put me into a long sleep. I was suspended between life and death, locked in an ice coffin in one of the four towers of the castle that my brother had transformed once he came to power.

I don't know how long I slept, but my body healed and my soul continued to live without ever losing hope of ever existing again in that world that no longer belonged to me.

When a ray of sunlight hit my face the miracle happened, I woke up and began to fight to live.
Stuck in the ice I could not move, but that ray was very warm and slowly began to melt my prison.
I was starting to take possession of my body again and a smile lit up my face and warmed my soul.

My wings were free and allowed me to soar above the ground, something I had never done before. The sun, as well as melting the ice, invaded the tower turning it into a golden prison.

Father...I thought you had abandoned us forever...I promise I will make wise use of this new life.

I could see through the walls and soon found Longun. My heart leapt in my chest, she hadn't changed at all and my feeling for her remained unchanged.
Every day I watched her, observed her routine and it wasn't hard to notice her changes. Her gaze was no longer vacant, but had a spark that illuminated it.

With my mind I went back to the day Dreki had turned her into an empty shell and I saw the chest that held her soul.

I must find it!

I scanned every corner of the castle to find the box that represented salvation for both of us. It took me days and days, but in the end I was rewarded, it was buried in the foundations of the tower that was my prison. I had to bring Longun to me, but how?

It was Dreki who found the solution... after yet another rebellion he locked her up in a prison, or rather in one of the four towers!

Father, give me your blessing, bring love into my life.

A rainbow appeared before my eyes, it was the power given to me by the Gods I had prayed to and who had accepted my request for help!
I used the various colors to communicate and guide Longun on a path that would lead her to me. It wasn't easy, the woman was insecure and didn't trust me, but I couldn't blame her. She had spent years in hell and I was asking her to follow me unconditionally.

Black... Orange... Blue... Red... Green... Yellow... I had done it! He was in my tower, next to me!

Purple... the rainbow disappeared leaving me alone to face her. I explained, I told her our story, but I didn't convince her... so I allowed her to enter my memories. While the images of my life were flowing, the chest began to open and it finally opened when a specific memory appeared... the one in which Dreki had transformed Longun and had hit me.

The orb contained in the casket reunited with his body and I had my woman's love again.

Where are we? It looks like Dreki's Palace. But instead of the central area there is this magnificent garden.

I looked at her smiling

Yes, that's right, it's Dreki's Palace. When you regained your memory, you reactivated his heart and his immortality left him moving inside you.
His madness reached its peak by killing him. What you see is the building from when I was a child and we lived in peace. The Palace has regained its original appearance, abandoning the one built by a tyrant.

My name is Engill and now I will live forever near the woman I love and who freed me from a nightmare.

H2
H3
H4
3 columns
2 columns
1 column
2 Comments