L'altra prigione - #1 La nascita/The other prison - #1 Birth

tree-3384831_640.jpg
Foto di jplenio da Pixabay

Il mio nome è Engill e sono finalmente libero. Sembra strano fare un'affermazione del genere, ma per me non lo è. Dopo secoli trascorsi ad aspettare l'arrivo di una donna, ciò che era stato scritto si è avverato ed ora posso finalmente tornare alla mia vita.

Sono nato almeno cinque secoli fa, non saprei dire esattamente quanto tempo sia trascorso da allora. I miei genitori erano una delle più strane coppie mai viste… mia madre era una donna semplice, bellissima e mio padre uno degli Dei dell'Altro Regno. Fu amore a prima vista, almeno da parte di mio padre lo fu.
Se un Dio desiderasse il vostro amore, voi che fareste? Sicuramente quello che fece mia madre, accettereste!

Da questo amore nacquero due gemelli, Dreki ed Engill che sono io. Fin dai primi anni di vita fu chiaro che non eravamo proprio uguali, io avevo le ali. Si, due ali viola che mi spuntavano sulla schiena e crescevano insieme a me.

Mio padre scomparve appena fummo in grado di parlare e mia madre ci portò a vivere nel castello del Re. Lei viveva lì prima di accettare la corte di papà e, ora che era di nuovo sola, era il solo posto dove sapeva che saremmo stati al sicuro e avremmo ricevuto cure e un'istruzione.

La nostra infanzia fu uguale a quella di ogni altro bambino del Regno finché una grave malattia ci portò via nostra madre. Non so se abbia sofferto o sia riuscita a tornare da papà senza dolore, ma prima di morire ci disse delle cose che sul momento non capimmo, ma che adesso, dopo il loro compimento, risultano chiare.

Ci sarà una grande guerra tra i gemelli. Due uomini uguali lotteranno per essere diversi e ottenere la supremazia sull'altro. Quando il buono si trasformerà in malvagio, verrà al mondo la soluzione. Ella sarà la terra fertile su cui il tiranno troverà la sua fine e l'amore ritornerà in vita.

Eravamo ormai adolescenti formati quando rimanemmo soli nel castello del Regno. Dreki era riuscito a farsi notare dal medico di corte e dal bibliotecario e passava tutto il suo tempo tra libri, erbe e strane pozioni. Io… colpa della mia diversità, ero il preferito dalle dame di corte attratte dalle mie ali e dal desiderio di capirne l'uso. Fu per questo motivo che mi avvicinai alla religione e rifuggevo le feste e la socialità del luogo.

Il giorno del nostro ventesimo compleanno accadde ciò che nessuno si sarebbe mai aspettato… una strana malattia colpì il Re che morì senza riprendere conoscenza. Non aveva nominato un erede e quello fu l'inizio di una strana guerra. I figli e i nipoti del Re si accusavano a vicenda, cercavano di manipolare i fatti lottando per il trono, finché non arrivò Dreki. I suoi occhi e la sua espressione mostravano un uomo diverso, la pazzia era ben visibile così come il desiderio di governare.
Era trascorso un anno dalla morte del Re, un anno in cui Dreki aveva affinato i suoi studi e aveva fatto migliaia di esperimenti.

Pretendenti al trono disse a coloro che si facevano guerra ho studiato attentamente le leggi ed ho scoperto una cosa che potrebbe aiutarci a scegliere il nuovo sovrano. Colui che sarà in grado sposare la figlia del Drago siederà sul trono.

Dopo queste parole presentò loro una donna, non era giovane, ma era ancora piacevole. Sui 25 anni, lunghi capelli argentei e un'espressione smarrita sul volto.

Da dove viene questa donna? Gli chiesi sorpreso Non l'ho mai vista a Palazzo o meglio, nessuno la conosce.

Dreki rise, una risata da pazzo Questa donna è l'amore che viveva nel mio cuore. Un sentimento inutile che mi rendeva debole. Estirparlo mi ha reso forte e immortale. Adesso posso governare senza alcun timore.

Un brivido di paura mi percorse la schiena. Mio fratello era impazzito! Guardai la donna… era bellissima, quei lunghi capelli color argento la rendevano differente dalle altre. Gli occhi scuri avevano una luce triste, anche se offuscata dallo smarrimento del volto, e quando i miei occhi incrociarono i suoi fummo perduti...

floral-1751088_640.png

English version (automatic translate)

My name is Engill and I am finally free. It seems strange to make such a statement, but for me it is not. After centuries spent waiting for a woman to arrive, what was written has come true and now I can finally return to my life.

*I was born at least five centuries ago, I couldn't say exactly how much time has passed since then. My parents were one of the strangest couples ever seen... my mother was a simple, beautiful woman and my father one of the Gods of the Other Realm. It was love at first sight, at least on my father's side it was.
If a God desired your love, what would you do? Surely what my mother did, you would accept! *

From this love were born twins, Dreki and Engill that is me. From the first years of life it was clear that we were not quite the same, I had wings. Yes, two purple wings that sprouted on my back and grew with me.

My father disappeared as soon as we were able to speak and my mother took us to live in the King's castle. She lived there before she accepted Dad's court, and now that she was alone again, it was the only place where she knew we would be safe and receive care and an education.

Our childhood was the same as every other child in the Kingdom until a serious illness took our mother from us. I don't know if she suffered or was able to return to Dad without pain, but before she died she told us things that we didn't understand at the time, but now, after their fulfillment, are clear.

There will be a great war between the twins. Two equal men will fight to be different and gain supremacy over the other. When the good will turn evil, the solution will come into the world. She will be the fertile land on which the tyrant will find his end and love will come back to life.

We were now teenagers formed when we remained alone in the castle of the Kingdom. Dreki had managed to get himself noticed by the court doctor and the librarian and spent all his time among books, herbs and strange potions. Me... because of my diversity, I was the favorite of the ladies of the court attracted by my wings and the desire to understand their use. It was for this reason that I moved closer to religion and shunned the parties and sociability of the place.

On the day of our twentieth birthday what no one would have expected happened... a strange illness struck the King who died without regaining consciousness. He had not named an heir and that was the beginning of a strange war. The King's sons and grandsons accused each other, tried to manipulate the facts by fighting for the throne, until Dreki came along. His eyes and expression showed a different man, the madness was clearly visible as well as the desire to rule.
A year had passed since the King's death, a year in which Dreki had honed his studies and done thousands of experiments.

Candidates to the throne he said to those who were warring I have carefully studied the laws and discovered something that could help us choose the new ruler. The one who will be able to marry the daughter of the Dragon will sit on the throne.

After these words he introduced them to a woman, she was not young, but she was still pleasant. About 25 years old, long silver hair and a lost expression on her face.

Where does this woman come from? I asked surprised I have never seen her in the Palace or rather, nobody knows her.

Dreki laughed, a crazy laugh This woman is the love that lived in my heart. A useless feeling that made me weak. Extinguishing it has made me strong and immortal. Now I can rule without fear.

A shiver of fear ran down my spine. My brother had gone mad! I looked at the woman... she was beautiful, her long silver hair made her different from the others. Her dark eyes had a sad light, though dimmed by the loss of her face, and when my eyes met hers we were lost...

H2
H3
H4
3 columns
2 columns
1 column
1 Comment